+39 081.123.4567 segreteria@biologia.dip.unina.it

Menu
Evento rimandato a data da destinarsi – La ricerca entra nelle Aule di Biologia – “Gufi o allodole” Cosa sono e come funzionano gli orologi circadiani

Evento rimandato a data da destinarsi – La ricerca entra nelle Aule di Biologia – “Gufi o allodole” Cosa sono e come funzionano gli orologi circadiani

Di In Il 31 Marzo 2020


Il 31 marzo alle ore 09:30

Aula Rossa Carlo Ciliberto

Centri Comuni, Ed.1 complesso di Monte Sant’Angelo

 

Lezione a cura del Prof. Rodolfo Costa

La tematica dell’incontro è di interesse generale in quanto l’orologio circadiano, regola i ritmi sonno-veglia e molti altri aspetti della nostra fisiologia. L’orologio circadiano si sincronizza con l’ambiente che ci circonda, soprattutto per mezzo della luce del sole. Tuttavia, per tutta una serie di motivi quali l’adozione dell’ora civile all’interno dei fusi orari, l’adozione dell’ora legale, l’esposizione alla luce artificiale in tarda sera e nel corso della notte, il lavoro a turno e altri condizionamenti temporali imposti dall’organizzazione della società moderna spesso confliggono con i ritmi dettati dai meccanismi molecolari alla base del funzionamento dell’orologio circadiano. Questo si traduce in una privazione cronica di sonno, una veglia meno efficiente e un aumento del rischio di sviluppare patologie acute e croniche, anche gravi. Alcuni semplici accorgimenti possono contribuire a limitare le conseguenze della desincronizzazione tra il nostro orologio endogeno e l’orologio sociale

Martedì 31 Marzo 2020 Ore 09:30 – 13:00

Complesso Universitario di Monte Sant’Angelo – Napoli

Aula Rossa Carlo Ciliberto

Scarica la locandina dell’evento

Rodolfo Costa

Genetista, insegna Neurobiologia nell’Università di Padova. Si occupa dell’analisi genetica e molecolare degli orologi circadiani in diversi organismi. E’ Editor in chief della sezione di Cronobiologia di Frontiers in Physiology.

Per una ottimale organizzazione dell’evento, è gradita la iscrizione al seguente link:

http://bit.ly/RicercaAuleBiologia

Per ogni informazione e chiarimento contattare:

prof. Barbara Majello

 

 

Per la diffusione della cultura scientifica il Dipartimento di Biologia continua anche quest’anno il ciclo di incontri.

“La ricerca entra nelle Aule di Biologia”

Lo scopo delle lezioni/eventi sarà la comunicazione e descrizione in forma accessibile e di facile comprensione delle attività di ricerca e le scoperte recenti nei diversi ambiti della Biologia. L’enorme quantità di conoscenze che in modo rapidissimo la ricerca biologica va accumulando sta producendo un patrimonio di conoscenze che contribuiscono a un miglioramento della qualità della vita e dell’ambiente in cui viviamo. La diffusione della cultura scientifica ha lo scopo di contrastare la disinformazione e far percepire alla collettività e ai nostri studenti la meticolosità della validazione a cui sono sottoposti i risultati della ricerca che sono alla base delle nozioni scientifiche studiate dagli stessi studenti. Spesso la comunicazione attraverso social networks, media utilizza dei canali per la diffusione delle scoperte senza alcun filtro che ne accerti la veridicità. Da questo fenomeno nasce una problematica attuale, il circolare di notizie sensazionali e fake-news, capaci di propagarsi in tempo reale, e percepite dall’opinione pubblica come verità conclamate. L’obiettivo di questi incontri di diffusione della cultura scientifica è di aprire una finestra sul mondo della ricerca e rendere partecipi non soltanto gli studenti Universitari ma anche studenti più giovani per accrescere la percezione dell’importanza della scienza nella  società.


PRENOTA