+39 081.123.4567 segreteria@biologia.dip.unina.it

Menu
  • it
Laboratorio di Identificazione e Tracciabilità Molecolare

 

Nel laboratorio di Identificazione e Tracciabilità Molecolare vengono svolte le seguenti attività:

  • identificazione e tracciabilità molecolare degli organismi vegetali
  • identificazione e tracciabilità molecolare degli organismi animali
    L’importanza di identificare a livello molecolare specie animali e vegetali trova ampia applicazione in molti campi che spaziano dalla filiera agro alimentare, contrasto al commercio di specie esotiche rare e minacciate fino al controllo delle denominazioni di tipicità locali su prodotti alimentari. Il laboratorio attraverso tecnologie avanzate provvede alla caratterizzazione mediante sequenza del DNA a partire da frammenti e tracce di origine sia animale che vegetale. Le prove richieste saranno fornite in tempi estremamente contenuti e mediante schede facilmente interpretabili dal committente. La qualità dei tecnici impegnati nel laboratorio è comprovata da un’attività scientifica di ricerca in continuo aggiornamento sotto la responsabilità scientifica dei:
Prof. Domenico Fulgione
per la tracciabilità animale
Prof.ssa Donata Cafasso
per la tracciabilità vegetale.
  • identificazione e tracciabilità molecolare degli organismi umani.
    Nel laboratorio di Identificazione e Tracciabilità Molecolare si effettuano indagini genetiche su DNA estratto da campioni biologici umani, al fine di determinarne il profilo genetico individuale. Le indagini si effettuano sotto la responsabilità scientifica del

    Prof. Mimmo Turano
    per tracciabilità molecolare degli organismi umani
      Se tale profilo derivante, ad esempio, da tracce biologiche presenti sulla scena di un crimine dovesse risultare identico al profilo ottenuto dal DNA di una persona sospettata, questo può fornire una solida prova ai fini dell’incriminazione dell’indiziato.
      È possibile determinare un profilo genetico individuale da qualsiasi tipo di traccia biologica quali piccole macchie di sangue, capelli, tracce di saliva, reperti ossei, piccoli frammenti di pelle o unghie, tracce di liquido seminale su indumenti, etc. Il DNA estratto viene sottoposto all’amplificazione mediante PCR e i frammenti amplificati vengono successivamente analizzati mediante elettroforesi capillare. Queste indagini, che si inseriscono nell’ambito forense, possono soddisfare le richieste avanzate con gli strumenti della consulenza tecnica (art. 359 cpp), della perizia da parte dell’Autorità Giudiziaria (art. 221 cpp) o da parte delle Forze di Polizia (art. 348 cpp) o, in base alle nuove disposizioni sulle indagini difensive (Legge 7/12/2000 n. 397), anche dai difensori .
      I profili genetici possono, inoltre, essere utilizzati per la ricostruzione di rapporti parentali al fine di identificare persone scomparse o favorire ricongiungimenti familiari. Tali analisi sono infatti indispensabili per la realizzazione di una banca dati del DNA, come previsto dall’articolo 9 della Legge 30 giugno 2009, n. 85.
  • diagnostica molecolare di stress ossidativo.
    Nel laboratorio di identificazione e tracciabilità molecolare si eseguono analisi di diagnostica molecolare di stress ossidativo, sotto la responsabilità scientifica della Prof.ssa Anna De Maio.
    Lo stress ossidativo è una condizione patologica che si viene a creare in un organismo vivente, nel momento in cui si verifica un incremento di Radicali liberi dell’ossigeno (ROS).
    Cause esterne (fumo, inquinamento, chemioterapie) rappresentano solo alcune delle cause che provocano un incremento di radicali liberi e/o la diminuzione dei livelli delle difese antiossidanti. Lo stress ossidativo è una vera e propria patologia, molto subdola, perché asintomatica, ma estremamente pericolosa, in quanto correlata a moltissime patologie (obesità, ipertensione, disordini metabolici, malattie cardiovascolari, malattie neurodegenerative, infertilità, tumori, intolleranze alimentari).
    Questa indagine è importante da effettuare sia in individui
    sani, per monitorare il loro stato di salute a scopo prognostico, sia in pazienti sotto terapia. In questi ultimi, infatti, qualora venga diagnosticata uno stress ossidativo alto, la prescrizione di opportuni integratori antiossidanti potrebbe coadiuvare la terapia stessa o diventare un utile strumento per verificare l’efficacia di un trattamento terapeutico.